venerdì 15 febbraio 2008

Second Life: cronaca di virtuale follia.

E' inutile: provarci ci provo, ma questa SL non fa per me. Mi muovo come ET, urto le persone, volo per aria e atterro nei crateri o nell'oceano, provo a contattare qualcuno, ma appena mi avvicino tutti mi schivano. In effetti non sono così attraente: qualche sera fa sono finita in un negozio, di quelli "aggratis" e ho provato qualche abito. Maglietta, si, insomma, giacca, beh, poi magari ne provo un'altra, gonna, una a caso, ma sempre pensando che tanto sarei uscita vestita come piaceva a me. Alla fine, sul più bello non sono più riuscita a togliermi di dosso un bel nulla e ora giro come una sciuretta in un mondo di minigonne inguinali, scollature vertiginose, tacchi altissimi.

Insomma, tutto sta andando secondo copione. Stasera, tuttavia, sono entrata ai Parioli, come suggerito qui e ho conosciuto un presunto romano. Mica sapeva a cosa sarebbe andato incontro: sono certa che ora sia alle prese con un'emicrania da robertite ;-) L'ho tempestato di domande, gli ho chiesto di teletrasportarmi, di accompagnarmi a far spese nei centri commerciali. In breve, avrei voluto che mi spiegasse tutto in un'oretta, così poi avrei soddisfatto tutte le mie curiosità per sempre.. invece? Sono ancora una sciuretta che gira come ET, urta le persone e vola per aria finendo nei crateri e negli oceani e che domani dovrà continuare a chiedere a questo malcapitato come funziona Second Life e, soprattutto, a che cosa serve.

Già, a che cosa serve? :-o

2 commenti:

Roberta C. ha detto...

mi viene da dire...ma questa second life non somiglia un po' alla vita vera? persone che snobbano le altre, guardano il tuo abbigliamento e ti giudicano di conseguenza, ci si sente inadeguati in ambienti elitari e capita pure di fare dei salti nel vuoto. mah!

robit ha detto...

Eh, Roberta, qui ci dovrebbe essere un confronto tra sostenitori e detrattori.
Per il momento mi riservo di scrivere le mie opinioni, in quanto non ancora in grado di essere un'osservatrice critica, ma conto di farlo in tempi brevi.